“Incluseum: il Museo di tutti”. Inaugurazione sabato 18 novembre al Castello della Rancia

Tutto pronto per la cerimonia ufficiale di inaugurazione del nuovo allestimento del Museo Civico Archeologico “Aristide Gentiloni Silverj” ospitato nelle storiche sale, al primo piano del Castello della Rancia e che raccoglie i reperti rivenuti a Tolentino di epoca picena e romana e che si terrà sabato 18 novembre 2023.

Il Museo è stato dotato di nuove tecnologie al servizio del sapere oltre le differenze divenendo così inclusivo e pienamente fruibile anche per le persone diversamente abili. “Incluseum: Il museo di tutti” è un progetto e allestimento a cura di PlayMarche srl con il coordinamento scientifico di Unimc ed è

stato finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU – Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura Misura 1.2 Patrimonio culturale per la prossima generazione” Componente 3 – Cultura 4.0 (MIC3-3) investimento 1.2 “Rimozione delle barriere fisiche e cognitive in musei, biblioteche e archivi per consentire un più ampio accesso e partecipazione alla cultura”.

L’evento sarà aperto, alle ore 17.00, dai saluti di Mauro Sclavi Sindaco del Comune di Tolentino, di John Francis Mc Court Magnifico Rettore Università degli studi di Macerata e di Giuseppe Lacava Soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata.

Il progetto sarà illustrato da Roberto Perna Professore Archeologia classica Dipartimento di Studi Umanistici – Lingue, Mediazione, Storia, Lettere, Filosofia Università degli studi di Macerata, da Catia Giaconi Professoressa di Didattica e pedagogia speciale Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo Prorettrice vicaria dell’Università degli Studi di Macerata e da Michele Spagnuolo Amministratore delegato di PlayMarche srl, spin off dell’Università di Macerata.

Subito dopo il taglio del nastro sarà possibile provare tutte le installazioni che hanno arricchito il percorso museale e alle ore 18.00 sarà proiettato sulle pareti della corte interna del castello un video mapping.

La cerimonia di inaugurazione è promossa dal Comune di Tolentino in collaborazione con il Ministero della Cultura, con Unimc con la Direzione Regionale Musei Marche e la Soprintendenza Archeologia Belle arti e Paesaggio per le provincie di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata.

 

Il Museo Civico Archeologico di Tolentino venne fondato il 30 settembre del 1882 per volontà del Conte Aristide Gentiloni Silverj che ne fu Direttore fino alla scomparsa. Conserva, principalmente, i corredi tombali rinvenuti nelle necropoli picene di Tolentino, oggetto di scavo da parte dello studioso a partire dal 1879, assieme ad alcuni pezzi della sua collezione privata, donazioni e successive acquisizioni. Il 1914 i materiali del Museo vengono inviati alla “Esposizione dell’Archeologia Marchigiana” di Milano. Dal 1926 al 1938 il Museo viene chiuso al pubblico ma i suoi materiali restano visibili su richiesta. Negli anni ’50 viene disposto dalla Soprintendenza Archeologica delle Marche il restauro di alcuni reperti esposti, mentre il riallestimento viene affidato al dott. Gualberto Piangatelli. Nel 1974 riallestimento del Museo presso la Sala S. Giacomo nel Convento di S. Nicola. Nel 2000 riallestimento presso la sede attuale, nei locali del Castello della Rancia, a cura di Agnese Massi Secondari, pronipote di Aristide Gentiloni Silverj e Direttrice del Museo. L’ultimo intervento che ha riguardato il museo che è stato riallestito risale al luglio del 2021.

museo-civico-archeologico-silverj
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Tolentino dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali